Si intende che la leadership non è scienza codificata, che possa rispondere a precisi modelli (come ne sono stati creati in passato), ma che al contrario necessiti di qualità artistiche nei leader. Essi, come pittori, devono essere in grado di creare in ogni situazione (il quadro) le infinite sfumature di colore necessarie, partendo dai tre colori primari, che da un lato sono le tre qualità animiche del pensare, del sentire e del volere, e dall’altro sono tre nuovi livelli di conoscenza da acquisire: l’immaginazione, l’ispirazione e l’intuizione.